Un milione e mezzo di euro per svendersi l’anima

Un milione e mezzo di euro del COCIV (ovvero nostri) per svendersi l’anima e regalare la propria dignità non sono bastati anche per stare in sicurezza all’interno delle mura benedette dal Prete.
Quello stesso Prete che dal pulpito sacro ha rivendicato la lauta mazzetta del COCIV oggi dovrà spendere qualche preghiera in più e ringraziare il cielo che non ci sia stata una tragedia in questa Valpolcevera che sempre di più somiglia alla temibile ValBisagno per la devastazione del proprio territorio.
Infatti oggi è caduto il muraglione dell’Asilo a Pontedecimo e i bambini sono stati evacuati dalla Protezione Civile.
Quasi un altro simbolo (forse un monito? un’indicazione profetica?) dopo la frana di Trasta che ha convolto 100 persone.
La velina ci mette poco a girare “grazie alla segnalazione del COCIV è intervenuta la Protezione Civile. …Grazie al COCIV il muraglione sarà ricostruito”
Temiamo però che anche grazie al COCIV che sia caduto il muraglione..
Il Cociv già lavoro precisamente in quell’area e anche già al lavoro con le le sue luride mani dentro al fiume.

Ricordiamo, come accennato, che COCIV è perlomeno il corresponsabile della frana sui binari e sul Frecciabianca di qualche settimana fa: sempre in Valpolcevera e sempre in un cantiere TAV TERZOVALICO.
Le ultime parole di queste poche righe le rivolgiamo, con lo stomaco chiuso, a coloro che con la terra hanno ceduto la loro dignità provando a ipotecare anche la nostra sicurezza e il nostro futuro.
Non lo permetteremo facilmente.
Ci auguriamo che il Prete e la Curia (in questo caso odierno) e tutti coloro che sono coinvolti in questo scempio e in questa devastazione non dormano più una notte serena.
Sono e saranno per sempre coinvolti: oggi non ci sono zone di grigio.

O difendi il territorio o lo devasti.
O stai con chi dilapida denaro, svende beni comnuni, distrugge montagne, privatizza i servizi pubblici o sei contro di loro.

Noi non abbiamo dubbi su quale lato della barricata stare.
Voci dalla Valpolcevera

This entry was posted in NEWS and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.